Premio del cinema svizzero 2014: trionfa «Der Goalie bin ig»

21. March 2014 - 22:44

Alla presenza del consigliere federale Alain Berset sono state premiate questa sera le eccellenze della creazione cinematografica svizzera del 2014. La 17a edizione del Premio del cinema svizzero si è svolta allo Schiffbau di Zurigo. Lo show serale è stato trasmesso in live streaming su srf.ch per il grande pubblico. Trionfatore della serata è «Der Goalie bin ig», che ha ricevuto ben quattro premi nelle categorie «Miglior film», «Migliore sceneggiatura», «Miglior interprete maschile» e «Migliore musica da film». «Left Foot Right Foot» è stato premiato con due «Quartz»: per la «Migliore interpretazione da non protagonista» e per la «Migliore fotografia». Tra i migliori interpreti del 2014 si annoverano Ursina Lardi, Marcus Signer e Dimitri Stapfer.

Quattro Trofei «Quartz» sono andati a «Der Goalie bin ig»: Sabine Boss lo ha ricevuto nella categoria «Miglior film» e, insieme a Jasmine Hoch e Pedro Lenz, nella categoria «Migliore sceneggiatura», Marcus Signer nella categoria «Miglior interprete maschile» e Peter von Siebenthal e Richard Köchli nella categoria «Migliore musica da film».

Nella categoria «Miglior documentario» è stato premiato Peter Liechti per «Vaters Garten – die Liebe meiner Eltern». Altri vincitori sono «The Green Serpent» di Benny Jaberg nella categoria «Miglior cortometraggio» e «The Kiosk» di Anete Melece nella categoria «Miglior film di animazione».

Nella categoria «Migliore interprete femminile» è stata premiata Ursina Lardi per il suo ruolo nel lungometraggio «Traumland», nella categoria «Migliore interpretazione da non protagonista» è stato premiato Dimitri Stampfer per il suo ruolo in «Left Foot Right Foot». Denis Jutzeler riceve il premio per la «Migliore fotografia» in «Left Foot Right Foot». Per la prima volta è stato assegnato un premio per il «Miglior montaggio». È andato a Tania Stöcklin per il suo lavoro in «Vaters Garten – die Liebe meiner Eltern».

Il consigliere federale Alain Berset ha insignito del Premio d'onore Alexander J. Seiler. A sua volta, Corine Mauch, sindaco di Zurigo, ha consegnato il premio per la «Migliore interprete femminile» a Ursina Lardi e Christian Frei, presidente dell'Accademia del Cinema Svizzero, il premio speciale dell'Accademia a la costumista Françoise Nicolet. Gli altri premi sono stati consegnati dal regista teatrale Vincent Baudriller, dal regista Markus Imhoof, dall'attrice Mona Petri, dal direttore SRF Ruedi Matter e dal regista Niccolò Castelli.

Le vincitrici e i vincitori sono designati dai membri dell'Accademia del Cinema Svizzero. Il Premio del cinema svizzero è un impegno dell'Ufficio federale della cultura realizzato con i partner SRG SSR e l'Association «Quartz» Genève Zürich in collaborazione con Swiss Films, l'Accademia del Cinema Svizzero e le Giornate di Soletta.

Premio speciale dell'Accademia
Il Premio speciale dell'Accademia 2014, del valore di 5000 franchi, è andato alla costumista Françoise Nicolet per il suo significativo contributo ai film «Les grandes ondes (à l'ouest)» e «Left Foot Right Foot», un lavoro preciso che in entrambi i film punta a sostenere le trame e a conferire autenticità alle figure e non tanto alla pura ricerca dell'effetto.

Premio d'onore
Il regista e produttore Alexander J. Seiler, che si è contraddistinto per il suo impegno a favore del cinema, riceve il Premio d'onore per la sua intera opera cinematografica e pubblicistica. Il consigliere federale Alain Berset gli ha consegnato il Trofeo «Quartz» e ha tenuto un discorso elogiativo.

Cerimonia di premiazione e Settimana delle nomination
La cerimonia di premiazione è stata trasmessa in live streaming su www.rsi.ch/premiodelcinemasvizzero dal media partner SRG SSR. Conduttrice della serata è stata Maria Victoria Haas.

Il Premio del cinema svizzero è stato affiancato da manifestazioni collaterali per il grande pubblico a Zurigo e Ginevra. I film nominati sono stati proiettati al cinema Grütli di Ginevra e al Filmpodium di Zurigo, dove il pubblico ha avuto modo di scoprire la ricchezza e la diversità della creazione cinematografica nazionale. Lo hanno reso possibile il Cantone e Città di Ginevra e la Città di Zurigo riunite nell'Association «Quartz» Genève Zürich.

La prossima edizione del Premio del cinema svizzero si svolgerà a Ginevra il 13 marzo 2015.

Vincitrici e vincitori del Premio del cinema svizzero 2014
Miglior film: «Der Goalie bin ig», Sabine Boss, C-Films
Miglior documentario: «Vaters Garten - die Liebe meiner Eltern», Peter Liechti, Liechti Filmproduktion
Miglior cortometraggio: «The Green Serpent», Benny Jaberg, Benny Jaberg
Miglior film d'animazione»: «The Kiosk», Anete Melece, Virage Film
Migliore sceneggiatura: Jasmine Hoch, Sabine Boss, Pedro Lenz, «Der Goalie bin ig»
Migliore interprete femminile: Ursina Lardi, «Traumland»
Miglior interprete maschile: Marcus Signer, «Der Goalie bin ig»
Migliore interpretazione da non protagonista: Dimitri Stapfer, «Left Foot Right Foot»
Migliore musica da film: Peter von Siebenthal, Richard Köchli, «Der Goalie bin ig»
Migliore fotografia: Denis Jutzeler, «Left Foot Right Foot»
Miglior montaggio: Tania Stöcklin, «Vaters Garten - die Liebe meiner Eltern»
Premio speciale dell'Accademia: Françoise Nicolet per i costumi nei film «Les grandes ondes (à l'ouest)» di Lionel Baier e «Left Foot Right Foot» di Germinal Roaux
Premio d'onore: Alexander J. Seiler

Berna, 21. marzo 2014